L’usucapione è ammissibile tra genitori e figli?

Prima, però, vanno specificate le condizioni che determinano l’usucapione. Innanzitutto il possesso del bene deve essere pacifico, nel senso che l’ingresso in casa non deve essere avvenuto clandestinamente o forzatamente. Inoltre la permanenza deve essere continua e ininterrotta, non solamente occasionale e per oltre 20 anni.

Tuttavia, l’usucapione del figlio nella casa dei genitori non è praticabile, in quanto la giurisprudenza afferma che tutte le volte in cui il possesso di un immobile altrui avviene per mera amicizia o spirito di tolleranza da parte di chi è titolare – come nel caso delle relazioni famigliari – non può scattare l’usucapione.

Il motivo dipende dal fatto che l’usucapione scatta quando il possesso del terzo sull’immobile si verifica per un totale disinteresse da parte del legittimo proprietario del bene. Per definizione, quindi, non può verificarsi in caso di accoglienza tra parenti o amici. In questi casi, infatti, si tratta più correttamente di un contratto di comodato. E in quanto rapporto contrattuale, la natura stessa della dinamica esclude la possibilità di usucapione tra genitore e figli.

Articolo visto su
Usucapione: è possibile tra genitori e figli? Risposte e chiarimenti (Leggi oggi)

Immobili Preferiti

Immobiliare La Tour di Nale Roberto & C. S.a.s. - Sede legale: Via Festaz, 96 - 11100 Aosta - P.IVA 00658740071

Iscritta all'Ufficio Registro delle Imprese di : Aosta (AO) - Numero iscrizione presso Registro delle Imprese : 00658740071 - Numero R.E.A. : AO 59280 - Numero repertorio mediatori: AO 257

© Copyright 2020. All Rights Reserved

 

Privacy Policy